SINUSITE

con Nessun commento

Che cosa è?
La sinusite è una delle malattie più comuni. Consiste nell’infiammazione della mucosa di uno o più seni paranasali. Se tutte le cavità sono coinvolte si parla di pansinusite. Di solito la sinusite compare in seguito a un’infezione della cavità nasale, ma anche il nuoto, i tuffi, le lesioni o fratture delle ossa che delimitano i seni paranasali o un’infezione di un dente dell’arcata superiore, soprattutto il canino, possono causare la patologia. Alcune malformazioni congenite, come la deviazione del setto nasale, possono essere causa di sinusite.

SINTOMATOLOGIA
In base alla durata dell’infezione si distinguono:
Forme acute: sono di origine virale e batterica colpiscono quasi sempre l’intero sistema delle cavità paranasali (pansinusite). In esse prevalgono i sintomi infettivi ad insorgenza brusca e con caratteristiche di estrema violenza: gravi dolori al cranio, blocco nasale con scolo di muco purulento e febbre.
Forme subacute e croniche: vengono di norma colpite solo alcune cavità sinusali e pertanto i sintomi, usualmente meno violenti, dipendono dal seno colpito. Il paziente è frequentemente raffreddato, non respira bene , non percepisce perfettamente gli odori (ipoosmia) e presenta saltuari periodi di scolo di muco dal naso.
Prevalgono i dolori al cranio localizzati in sede:
– sottoorbitaria (sotto gli occhi) nelle sinusiti mascellari;
– alla radice del naso nelle sinusiti etmoidali;
– alla fronte nelle sinusiti frontali;
– dietro gli occhi e al vertice del capo nelle forme sfenoidali.

In base alla causa ( patogenesi ) si distinguono:
Cause nasali; Cause ematogene; Cause odontogene; Cause traumatiche; Cause barotraumatiche;

Cause nasali
L’infezione si propaga ai seni paranasali attraverso il sistema di canalicoli che li collegano alle fosse nasali. Il lume di queste strutture si riduce per l’infiammazione e si provoca un ristagno di secrezioni all’interno dei seni che successivamente si infettano.
La circostanza può accadere per :
– infezioni nasali
– allergia
– deviazione del setto nasale
– ipertrofia dei turbinati
– penetrazione di sostanze estranee nei seni

Cause ematogene
Trasmissione dei germi ai seni paranasali attraverso il sangue nel corso di malattie infettive di tipo:
– virale (rinite, influenza, morbillo, varicella)
– batterica (scarlattina)

Cause odontogene
Trasmissione dell’infezione ai seni mascellari in seguito a:
– estrazioni dentarie
– tecniche di endodonzia (devitalizzazione)
– implantologia

Cause traumatiche
Conseguenza di traumatismi del massiccio facciale, con o senza fratture, in cui avviene un versamento di sangue all’interno delle cavità sinusali (emoseno), che succesivamente si infetta.

Cause barotraumatiche
Conseguenza di brusche variazioni di pressione cui sono esposte alcune categorie di lavoratori e sportivi (subacquei, aviatori, nuotatori, tuffatori). All’interno dei seni avviene un ristagno di secrezione che successivamente si infetta.

Terapia
Il miglioramento del drenaggio nasale del seno ed il controllo dell’infezione sono gli scopi della terapia osteopatica. L’inalazione di vapore provoca una efficace vasocostrizione nasale e promuove il drenaggio. I vasocostrittori topici come la fenilefrina sono efficaci ma devono essere usati per un massimo di 7 gg. Gli antibiotici devono essere somministrati per almeno 10-12 gg. ed il tipo di antibiotico viene scelto in base all’esame colturale.Per il dolore e la febbre si può ricorrere al paracetamolo o all’acido acetilsalicilico. La sinusite che non risponde alla terapia antibiotica può richiedere un intervento chirurgico per migliorare la ventilazione ed il drenaggio attraverso la rimozione del materiale mucopurulento condensato e dei detriti epiteliali.

Rimedi Naturali:

  • Eucalipto è un coadiuvante per le sinusiti.

Lascia un commento