TE’ VERDE

con Nessun commento

Il TE’ VERDE è una pianta usata dai cinesi da più di 2000 anni sia come bevanda rinfrescante che come medicinale, è un potente antiossidante, abbassa il colesterolo, rafforza il sistema immunitario, protegge dalla carie dentaria, nei casi di stanchezza e depressione, dona energia, mantiene la pelle ed i capelli sani, preventivo dei processi di invecchiamento, dell’arteriosclerosi, , aiuta il metabolismo delle ossa e dei tessuti, assicura un buon funzionamento del fegato, dei reni, riduce l’assorbimento degli zuccheri, mantiene costante il ritmo cardiaco, protegge dalle infezioni digestive e respiratorie, abbassa la pressione sanguigna, previene le malattie cardiovascolari, facilita la digestione, rassoda la pelle, aiuta nel mal di testa, nell’esaurimento, nei dolori reumatici, rende innocui certi veleni ambientali, abbassa il rischio di infarto, utile le malattie epatiche, ha una azione distensiva sul sistema nervoso efficace contro la diarrea ed il bacillo del colera e della salmonella, regola il flusso biliare, di aiuto in chi soffre di acidità di stomaco, iperacidità gastrica, nei bruciori e nelle eruttazioni, previene in ragione di 10 tazze al giorno il cancro dello stomaco, esofago, intestino, fegato, polmone, mammella e pelle, aiuta nei papillomi, ( in questi casi consultare sempre il proprio medico curante ) protegge dalle radiazioni e dallo stronzio 90, riduce la peristalsi intestinale, ha una leggera azione astringente, riduce le reazioni infiammatorie da raggi ultravioletti, , riduce gli effetti collaterali da chemioterapia, ( sentire sempre il proprio medico curante), accelera tutti i processi di guarigione, previene l’alito cattivo, indicato nella osteoporosi, per chi soffre di diabete in quanto è ipoglicemizzante di aiuto nelle diete dimagranti, ha un leggero effetto diuretico, ed è quindi utile in chi soffre di disfunzioni renali Contiene derivati polifenolici ( flavonoidi, acido clorogenico, caffeico, tannini, dimeri, flavanici) che conferiscono al te verde una azione meno dannosa rispetto all’alta percentuale di caffeina del caffè. La caffeina, o la teina sono gli stimolanti del SNC, aumentano la concentrazione, l’attenzione e la vigilanza, il tè verde per la presenza di polifenoli abbassa il contenuto dei lipidi ed è iutle nelle diete dimagranti, i tannini ( gallati di epigallocatecolo) diminuiscono il colesterolo, prevengono certe ferme di tumore indotti da agenti chimici, i flavani proteggono dai radicali liberi e sono antiossidanti ( specie il tè verde fatto con infuso di foglie non fermentate)

ATTIVITA’ PRINCIPALI: te verde,thea sinensis, camelia tea: azione stimolante del SNC, diuretica, abbassa i grassi, angioprotettrice, antidiarroica, si impiega come STIMOLANTE, come coadiuvante nelle DIETE DIMAGRANTI, nella DIARREA ( per la presenza dei tannini), dissetante e corroborante nelle astenie

CONTROINDICAZIONI: alle dosi indicate non ha effetti collaterali. Cautela in gravidanza e allattamento. Cautela se si soffre di ipertensione e se si soffre di ulcera Non abusare di preparati a base di caffeina, teina, mateina, perchè sono eccitanti, e possono indurre insonnia, perdita dell’appettito, turbe nervose. Non bere troppo caldo e non farlo bollire se in foglie ( ma farne un infuso)

 TE’ VERGINE
Citrus decumana
Parti usate: bocciolo e prime due foglie dei rami
Il tè vergine è arbusto originario dell’Africa orientale; il suo bocciolo e le prime due foglie dei rami (le più ricche di principi attivi) sono usate per preparare una bevanda molto simile al tè e ricca di sostanze nervine: la teina, la teobromina e la teofillina, tali sostanze sono utili nelle diete dimagranti per il loro effetto simpaticomimetico e per la depressione dei centri della fame (diminuzione dell’appetito). Il maggior interesse tra i vari composti che costituiscono i principi attivi della pianta è da attribuirsi alla alta concentrazione dei tannini. I tannini hanno la proprietà di far precipitare le proteine ingerite. Ne risulta pertanto ridotto il tasso di digestione e assorbimento calorico. L’effetto quindi è utile nelle diete dimagranti nell’alterazione del metabolismo proteico (iperazotemia)

Lascia un commento