AGLIO

con Nessun commento

Allium sativum

parti usate: bulbo

L’aglio è a buon diritto considerato “il re” delle erbe aromatiche, a causa delle sue virtù medicamentose. Già presso gli antichi egizi era considerato sacro, e gli schiavi che costruivano le piramidi ricevevano quotidianamente uno spicco di aglio. L’aglio è un potente antisettico, aumenta la resistenza dell’organismo alle infezioni e grazie al solfuro di allile contenuto in esso stimola la produzione di glutatione perossidasi. Tale enzima è uno dei baluardi nei sistemi di difesa dell’organismo contro l’effetto dannoso dei radicali liberi. Il sulfuro di allile contenuto nell’aglio esercita effetti benefici nella airteriosclerosi, nell’ipertensione, nel diabete e in tutte le patologie in cui vi è un coinvolgimento radicalico.

Aglio è un coadiuvante tradizionale per:

Conoscenze Scientifiche
E’ stato ampiamente dimostrato il ruolo preventivo e curativo di estratti di aglio nelle varie manifestazioni dell’aterosclerosi, in quanto riduce l’ aggregabilità piastrinica, il colesterolo, la pressione arteriosa e la glicemia. Dimostrate anche le sue proprietà immunostimolanti, antivirali e preventive su alcuni fenomeni della cancerogenesi.

Avvertenze
Può facilmente provocare reazioni allergiche, nausea, vomito, gastrite, diarrea. E’ controindicato nei soggetti con gastrite, ulcera peptica, ma anche in coloro che già stanno assumendo anticoagulanti ed antiaggreganti piastrinici, perché aumenta il rischio di sanguinamento. Rischi anche con Pentossifillina, ticlopidina, trombolitici. Cautela durante il concomitante uso di insulina ed antidiabetici orali. Riduce la biodisponibilità dei farmaci antiretrovirali La sua eventuale assunzione deve essere sospesa circa 15 giorni prima di un intervento chirurgico.

Lascia un commento