GOLDEN MILK

con Nessun commento

Il golden milk, latte dorato per eccellenza, è un vero toccasana a base di curcuma. Facile da preparare, fa bene alla salute del corpo: quali sono le sue proprietà e come prepararlo.

Una bevanda salutare e corroborante: è il golden milk ovvero il latte dorato a base di curcuma che da tempo si è ritagliato un posto di rilievo tra i rimedi naturali più efficaci. La sua preparazione, di gran moda, affonda le sue radici nella tradizione dell’India più antica in qualità di ricetta ayurvedica. Il latte speziato alla curcuma è molto amato da chi pratica Yoga Kundalini per i suoi effetti benefici sul corpo, ma è la stessa spezia la vera protagonista di tanto successo.

Tutto merito della curcumina contenuta che garantisce benessere articolare, riduce le infiammazioni, migliora la digestione, depura, irrobustisce le difese immunitarie e molto altro. Ma quali sono i benefici e le combinazioni migliori per un assorbimento perfetto e la ricetta per una preparazione ottimale?

Nota come Curcuma longa, è parte integrante della famiglia delle Zingiberaceae con più di ottanta specie differenti e dall’alto potere antiossidante. Pianta erbacea perenne, raggiunge anche il metro di altezza, con foglie grandi e fiori gialli. Ma è la radice, ovvero un rizoma cilindrico dal colore giallo-arancione, la parte più interessante. Viene prevalentemente coltivata in zone dal clima caldo e tropicale, trovando largo impiego nella cucina e nella medicina medio-orientale e del sud-est asiatico. Ancora oggi è molto diffusa anche come colorante, vista la forte intensità cromatica che riesce a donare. Per ricavare la spezia vengono fatte bollire a lungo le radici, poi essiccate in forni molto ampi e tritate finemente.

Nonostante il sapore risulti leggero ma amarognolo, la curcuma garantisce innegabili benefici per la salute a partire dalla depurazione del fegato e dallo svuotamento della colecisti. Antiossidante, fluidificante del sangue e analgesica, previene e riduce i dolori alle articolazioni e quelli mestruali. Contrasta l’azione dei radicali liberi e svolge un’azione antitumorale molto importante, grazie alla presenza della curcumina, inoltre velocizza la riparazione cutanea. Migliora i livelli di colesterolo nel sangue e favorisce la combustione dei grassi corporei, agevolando anche un lento dimagrimento. Consente una buona digestione e potenzia il sistema immunitario, contrasta la degenerazione neurologica.

 

Golden Milk, la ricetta

Per preparare il golden milk è necessario concentrare l’attenzione sulla creazione della pasta, ovvero un mix di ingredienti da mescolare per ottenere un composto morbido. Si conserva in frigorifero all’interno di un barattolo di vetro per massimo un mese, ma è bene produrne piccoli quantitativi da utilizzare all’occorrenza. Per una tazza di golden milk basta aggiungere un cucchiaino di pasta, conservando il resto in frigorifero, oppure utilizzare i preparati già pronti e facili da reperire in commercio.

 

Pasta di curcuma, come si prepara

Per creare artigianalmente il golden milk si deve creare la pasta utilizzando un quarto di bicchiere o tazza di curcuma, mezzo cucchiaino di pepe nero in polvere già macinato e mezza tazza di acqua. Si versano gli ingredienti in un pentolino, si mescola e porta a ebollizione fino a ottenere una pasta morbida. Come anticipato, si lascia raffreddare per poi conservare in un barattolo di vetro, precedentemente sterilizzato e con chiusura ermetica.

 

Golden milk, tutti gli ingredienti

Per beneficiare delle proprietà della curcuma è importante mescolare la pasta con un ingrediente oleoso e una spezia, un mix utile a potenziare e migliorarne l’assorbimento. In una tazza capiente di versa 1/4 di pasta di curcuma, una tazza di latte, meglio se vegetale, e precedentemente scaldato con un cucchiaino di olio (di mandorle dolci commestibile, di cocco o il ghee) e un pizzico di pepe nero.

Successivamente, si mescola il tutto e si dolcifica a piacere con una punta di miele. Il golden milk è perfetto da assaporare la mattina per partire con slancio, oppure la sera per agevolare un sonno ristoratore. Si può insaporire aggiungendo anche dello zenzero, della cannella o dell’olio di lino.

Consumazione e controindicazioni

Secondo la tradizione ayurvedica il latte di curcuma si può consumare ogni mattina per circa quaranta giorni, così da completare un ciclo di cura e guarigione dai dolori articolari e infiammatori. Una pausa è sempre necessaria per non permettere al corpo di assuefarsi e rendere inefficaci i benefici.

Il golden milk è salutare ma è bene prestare attenzione se si soffre di calcoli alla colecisti o problemi alle vie biliari, oppure se si assumono medicinali anticoagulanti, antiacidi, antistaminici e farmaci per il diabete. Meglio consultare un esperto se si vuole assumere in gravidanza, durante l’allattamento o se si vuole offrire ai più piccoli.

 

 

Fonte SITO

Lascia un commento